Vittorio Livi, se lo incontri non puoi dimenticarlo

da un articolo apparso su
http://energitismo.com/vittorio-livi/?lang=it

Vittorio Livi: se lo incontri non puoi dimenticarlo

La prima volta che ho incontrato Vittorio Livi mi sembrava uscito da un racconto di Fellini: i suoi lunghi capelli ricci, la sua parlata e il suo buon umore sono quelli che ci si aspetta di trovare nei romagnoli.

Quando ero piccola eravamo tutti incantati dalle persone di quest’area a cavallo fra Pesaro e Cesena dove sembrava che il sorriso non tramontasse mai e che la vita fosse tutta un fluire di “liscio”.

Vittorio viene da Pesaro e l’amore per le sue radici gli ha permesso di innovare e di essere un pioniere internazionale ma di portare ricchezza alla sua comunità. E nato a Tavullia e li ha ancora la sede della sua impresa FIAM, mentre la sua casa è a pochi chilometri in una splendida villa-Museo del Vetro a Pesaro.

Abbiamo un caro amico in comune, il conte Nani, e quando volevamo fare qualcosa per le piccole imprese (ma non sapevamo ancora cosa), è riuscito a trovare del tempo per partecipare ad un nostro convegno e raccontarci la sua esperienza umana e di imprenditore. Un fiume in piena! Allora non concludemmo nulla ma ognuno di noi è uscito con emozioni positive e con l’idea di “non arrendersi alla mediocrità, puntare al bello”.

Aveva deciso sin da bambino di voler fare qualcosa di bello, lo aveva detto al padre, ed ancora non è contento di quello che ha raggiunto. Vittorio mi fa venire in mente la poesia di Hikmet:

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

Come ogni anno lo vado a trovare allo stand della Fiam al Salone del Mobile di Milano. Questa volta riconosco la sua area da lontano: due grandi sculture di Helidon Xhixha segnano l’entrata. La nuova collezione di arredi in vetro è stata realizzata con questo grande artista albanese. Mi lascia senza parole la sua bellezza e semplice ricercatezza.

Riconosco i suoi capelli e mi avvicino per salutarlo. Sempre sorridente e pronto ad offrirmi un caffè e a dedicarmi parte del suo tempo. Non sono un compratore, non sono un designer eppure riesce a trovare uno spazio per raccontarmi di come ha incontrato Helidon Xhixha ed ha iniziato questa collaborazione da cui è già nata una amicizia. Poi mi presenta la sua agente per una intervista.

Vittorio sorprende e “va oltre” sempre in anticipo rispetto ai tempi ma sempre al punto giusto per realizzare le sue visioni. La sua prima impresa nel vetro la fonda a 17 anni (allora si diventava maggiorenni a 21) e ha bisogno delle firme di altri per iniziare. Ma presto inizia a camminare da solo e a sperimentare qualcosa di unico: arredamenti totalmente in vetro curvato.

Tutto parte da uno sgabello e da un giornalista che lo fotografa mentre cercava di dimostrare la resistenza del vetro curvato stando in piedi e facendo una “prova di carico”. La foto finisce diventa virale e Vittorio capisce la potenza di quello che stava creando. Da allora non ha ancora smesso di stupire giornalisti e pubblico.

Gli anni erano giusti e il mercato tirava. Molti sono diventati imprenditori ma molti si sono anche bruciati presto. Quando si “vende facilmente” si rischia di smettere di innovare e di perdere il desiderio di crescere in qualità. L’ubriacatura delle produzioni di massa ha rovinato alcuni imprenditori.

Ma il caso della Fiam è diverso e dei quasi 50 anni di collaborazione con grandi designer e artisti internazionali lo dimostra.

Nel caso di Vittorio, l’innovazione supera i confini della sua azienda e arriva nella comunità. Sin dagli anni ’70 fonda una società in USA per far conoscere i marchi industriali italiani e aprire le nostre imprese ai mercati internazionali. Nuovi mercati, nuovi stimoli e nuove opportunità. Allo stesso tempo capisce l’importanza di creare una vetrina di alto valore in Italia e con Fla Eventi si impegna nella più importante fiera del design internazionale: il Salone del Mobile di Milano.

Se il Made in Italy è riuscito ad affermarsi all’esterno nell’arredamento e nel lifestyle è grazie a personalità come quella di Vittorio, un inarrestabile ottimista che guida la sua impresa e la sua vita sotto la bandiera della creatività, dell’amore per il bello, della famiglia e della comunità in cui è nato.

– See more at: http://energitismo.com/vittorio-livi/?lang=it#sthash.dPN9I6k1.dpuf

Vittorio Livi sostiene il CIMP Concorso Internazionale Musicale “Città di Pesaro”
Le sue Opere donate al Vincitore del Premio Città di Pesaro sono arrivate in Cina (Duan Nina Premio 2015) e in Russia (Maxim Rimchuk 2013); Paolo Battuello di Bolzano ha avuto l’ambita Opera nel 2014.
Da quest’anno Vittorio Livi ha ideato una Opera Artistica per la sezione Rossini International che nel 2015 si è aggiudicata il Gruppo Ocarinistico Molinellese. A breve la presentazione dell’Opera e la consegna del Trofeo durante la presentazione del Bando del Concorso 2016.

This entry was posted in CIMP story. Bookmark the permalink.

Comments are closed.