Istallazione Ermione nei passi di danza ispirati dall’opera lirica di Rossini

Continua a essere molto vivace la scena degli eventi, così come la produzione artistica del Rossini International del CIMP, il palcoscenico dedicato alle giovani promesse.

La forza della creatività e il desiderio di ricercare e sperimentare nuove forme di arte, del coreografo Paolo Londi ha coinvolto un cast d’eccezione, rendendo vivace la scena italiana, in anteprimb1ca al grande evento internazionale del Rossini Opera Festival che si sta svolgendo in questi giorni a Pesaro.

A Granarola, e poi a Fano, protagonisti di altissimo valore, Elena Schneider e Luca Martini, sono gli straordinari interpreti del dramma di Ermione, su musiche di Gioachino Rossini.

ballerineCon loro sul palco, “Istallazione Ermione” due bravissime e promettenti ballerine Lo Scalzo Maria Chiara e Claudia Mazziotti in formazione presso l’accademia Ermitage Dance Company di Macerata e la giovanissima e pluripremiata Asia Orlando, di appena 12 anni, talento della scuola di Barbara Melica che da 10 anni si dedica “anima e corpo” alla ricerca di giovani talenti e alla loro preparazione sia tecnica che scenica.b1

L’iniziativa, promossa dall’Associazione Orchestra da Camera di Pesaro e patrocinata dall’ Assessorato alla Cultura del Comune di Fano, si è svolta il 31 luglio 2018 nella suggestiva cornice della Chiesa San Francesco di Fano, un sito archeologico unico nel suo genere che ha reso lo spettacolo ancora più suggestivo. Lo spettacolo ha conquistato il plauso del pubblico presente , coinvolto all’interno dello spettacolo in modo attivo e partecipe dal coreografo Paolo Londi. Prestigiose istituzioni musicali e accademie di danza presenti hanno apprezzato il lavoro artistico proposto dal CIMP dove Emergenti e già noti talenti lavorano insieme contribuendo ad accrescere l’attenzione internazionale per il settore musicale e artistico del nostro Paese.asd

Al Castello di Granarola, lo spettacolo è stato proposto in una anteprima offerta da Marco Morosini di LongStay House Brandina, a corollario delle iniziative artistiche che il Comune di Gradara ha sviluppato per il Borgo più bello d’Italia.

Si ringrazia per le foto l’ Accademia di Macerata, Alessandra Laurenzi e Rosanna Pezzolesi.

This entry was posted in CIMP story. Bookmark the permalink.

Comments are closed.